Le Cose Blu

Quella notte l’amore aleggiava nell’aria come un calabrone arrochito da uno strazio feromonico. Il vento brindava con una rada nebbia giallastra, mentre pallide farfalle morivano in silenzio. Il guardiano inforcò la bicicletta alla luce di un neon traballante, fischiettando incerto. I cani sembrarono non gradire e ringhiarono offesi, quasi fossero tigri invecchiate dall’alcool. Era una notte che non convinceva nessuno, men che meno dei pallidi spettatori in attesa di uno straccio di concerto. – Cazzo! ululò un lupo timido, rivolto alla luna, piena per tredici ventottesimi. Il ragioniere si voltò indignato e tentò di baciare la sua ragazza, prima che lei fuggisse. Non c’erano altri volti nei dintorni. Fu per quello che Le Cose divennero blu permanentemente per i successivi 23 giorni. Era il primo marzo del 1993. Lunedì.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.